Giuni Russo /

Niente senza di te

Nelle autostrade non si può più viaggiare
Nelle chiese e nelle case anche lì non ci si può più ritrovare
Ti vorrei rubare ma neanche in treno ci si può sedere
Penetrata e poco amata poi sedotta e abbandonata
E' la mia città
Ti porterò nella mia isola
Nei luoghi di quand'ero piccola
Il sole fra le piante di magnolie
Ma i fiori no, non si toccano
E non c'è niente senza di te
Il mondo non si accende
Tutto diventa niente
E non c'è niente senza di te
E non c'è niente senza di te
Lo sai che posso attendere
Sdraiata sotto un albero
E non c'è niente senza di te.
Quante vite ho già vissuto
E nei sogni cosa c'è di vero
Nei richiami, nelle voci
Il desiderio che non sa se vuole o teme
Sogno sempre la mia isola
La casa di mio padre laggiù
Ginestre ed oleandri nel cortile
Il mare dalla finestra al cuore
E non c'è niente senza di te
Il mondo non si accende
Tutto diventa niente
E non c'è niente senza di te
E non c'è niente senza di te
La valle dell'amore
Entra nell'intimo del cuore
E non c'è niente senza di te.
E non c'è niente senza di te
E non c'è niente senza di te
Lo sai che posso attendere