Matia Bazar /

Vacanze romane (new version)

Roma dove sei? Eri con me,
oggi prigione tu, prigioniera io.
Roma antica citta', ora vecchia realta'
non ti accorgi di me e non sai che pena mi fai.

Ma piove il cielo sulla citta',
tu con il cuore nel fango,
l'oro e l'argento, le sale da the,
paese che non ha piu' campanelli.
Poi dolce vita che te ne vai
sul lungotevere in festa,
concerto di viole e mondanita',
profumo tuo di vacanze romane.

Roma bella tu, le muse tue,
asfalto lucido, arrivederci Roma,
monetina e voila' c'e chi torna e chi va
la tua parte la fai ma non sai che pena mi dai

Ma Greta Garbo di vanita'
tu con il cuore nel fango,
l'oro e l'argento, le sale da the,
paese che non ha piu' campanelli.
Poi dolce vita che te ne vai
sul lungotevere in festa,
concerto di viole e mondanita',
profumo tuo di vacanze romane.

Poi dolce vita che te ne vai
sulle terrazze del corso,
"Vedova allegra" e matresse dei caffe',
profumo tuo di vacanze romane.